Chi Siamo Catalogo Novità Appuntamenti Newsletter Contatti


<< Torna indietro

Stefano Papetti
Piero Antonelli. Un pittore del Novecento tra realismo magico e verità

ISBN 88-7969-381-6
€ 40,00
Ft. 240x310 mm
2016, pp. 192, copertina cartonata con sovraccoperta
Piero Antonelli, nato a Falerone nel 1916, ha sempre mostrato particolare attitudine per il disegno e per la pittura riuscendo a rappresentare, con straordinaria efficacia, i semplici oggetti del vissuto quotidiano.
Libri, frutta, fiori, vasi, documenti manoscritti, vetri, conchiglie, chiavi ed altri semplici oggetti diventano protagonisti di eleganti composizioni che splendono nelle loro luci decise, esaltando i colori, le ombre, le trasparenze.
Un autore colto, attento, costantemente impegnato a cogliere gli aspetti più spettacolari della natura, anche i meno evidenti, che ha saputo valorizzare ogni forma dell’oggetto, anche quelle apparentemente meno importanti.
Così tutti gli oggetti rappresentati escono dalla loro normalità per diventare protagonisti di una espressione artistica, autentica, immediata ed accattivante.
Tantissimi sono stati gli estimatori di Antonelli sparsi nel mondo e così i suoi quadri hanno preso le più disparate destinazioni lontano dall’Italia.
La sua forza espressiva è stata riconosciuta ed apprezzata da moltissime gallerie di oltralpe ed oltreoceano che si occupavano di distribuire i suoi quadri ai tanti collezionisti che ne apprezzavano la particolare capacità artistica.
Il suo verismo accattivante era apprezzato per la sua forza espressiva.
Anche se non ha frequentato i percorsi artistici tradizionali, aveva i suoi estimatori e con loro si rapportava, mantenendo vive le relazioni e destinando loro le opere che tempo per tempo riusciva a produrre.
Questo anche quando una grave malattia aveva limitato la sua mobilità e con forza e grande fiducia nella propria volontà era riuscito a riprendere la capacità espressiva con efficacia almeno pari a quella che aveva sempre avuto.
La presente monografia ricostruisce la sua storia e i suoi periodi artistici, almeno per quanto si è potuto ricomporre e recuperare della sua opera distribuita in tantissimi paesi e vuole raccontare la sua arte, nelle varie sfaccettature e nei diversi periodi storici.
Egli è un artista ancora sconosciuto alla grande critica. Ha rifuggito l’apparire fine a se stesso, gli effetti di facciata ed i facili sensazionalismi. Oggi ci resta la sua opera vastissima e rigorosa.